Cosa significa meditare?

Ti è mai capitato di….

  • Dimenticare il nome di una persona subito dopo averlo sentito
  • Guidare lungo una via e accorgerti di dover andare da tutt’altra parte
  • Fare, fare, fare per evitare di sentire emozioni o pensieri negativi

Questo è quello che normalmente accade alla nostra mente. Essa è dominata da una sorta di pilota automatico, uno stato di disattenzione, che contribuisce a disperdere le nostre risorse interne, cognitive ed emotive. Gli americani lo chiamano Mindlessness (“senza testa”) e lo contrappongono al termine Mindfulness ( “piena presenza mentale”).

Meditare significa allenare la mente a dirigere l’attenzione al presente, momento dopo momento, con un atteggiamento curioso e gentile.
Questa abilità è già presente in noi, ma è spesso trascurata a favore di una modalità che spesso viene definita del “fare”: si compiono più cose contemporaneamente, si rimugina sui problemi senza trovare realmente una soluzione, quando si sta svolgendo un’attività, la testa sta già pensando a quella successiva, con il risultato che a fine giornata ciò che ci rimane è la sensazione di aver corso tantissimo, ma di non aver assaporato davvero quello che abbiamo fatto, che fosse giocare con il nostro bimbo o conoscere una persona nuova.

Ogni momento è unico e non tornerà. Può essere utile, quindi, riequilibrare il peso che diamo alle nostre capacità mentali e tornare liberi di decidere se e quando fare due cose contemporaneamente o godere di una.

 photo credit: <a href="http://www.flickr.com/photos/15586134@N00/2655485313">Yellow Bird Drops</a> via <a href="http://photopin.com">photopin</a> <a href="https://creativecommons.org/licenses/by/2.0/">(license)</a>

In Occidente parlare di meditazione può ancora suscitare diffidenza. Ciò deriva dal fraintendere la sua natura. La mindfulness NON è una forma di trance, non è una pratica New Age e neppure una condizione mistica. Non sarebbe neppure una semplice tecnica di rilassamento, ma quest’ultimo è un suo effetto collaterale frequente.

Si può praticare seduti, all’inizio facilita lo stabilizzarsi della mente, ma anche mentre si cammina o si compiono tutte le altre attività quotidiane. Ciò che conta non è la forma, ma l’intenzione che portiamo.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.